Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sui cookie e su come gestire le tue preferenze di navigazione, vai alle informazioni sui cookie    chiudi
Università Popolare F. Petrarca

Università Popolare F. Petrarca Borbiago

Cerca
>
News

Esplora

Recapiti

Università Popolare F. Petrarca
tel. 335.401824
email segreteria@unipopborbiago.it
Via Pisa 5, 30034 Borbiago di Mira (VE)

Un corso di fotografia intermedio: la composizione oltre la regola dei terzi

Il corso è rivolto a tutti coloro che vogliono approfondire le tecniche compositive e creative, affinando contestualmente la tecnica espositiva. E’ la naturale prosecuzione del corso base.
E' rivolto a tutti coloro che quando riguardano i propri scatti non riescono a rivivere le sensazioni che hanno provato mentre li scattavano. A quelli che almeno una volta si sono chiesti: «perché a volte le mie immagini appaiono confuse, insignificanti, piatte?», «perché a volte non riesco a rendere bene il soggetto della foto?», «perché le mie foto non mi piacciono?».
E' necessaria una conoscenza del mezzo fotografico e dei concetti di base di esposizione: il corso è impostato prevalentemente per chi ha disponibilità di una macchina fotografica digitale con la possibilità di regolazione manuale dei tempi e dei diaframmi (modalità M), possibilmente con un obiettivo zoom.

ARGOMENTI TRATTATI

  • Introduzione: perché seguire un corso sulla grammatica del vedere e sul comporre?
  • Il mestiere di vedere: l’esplorazione del soggetto
  • Il riconoscimento visivo: figura/sfondo e organizzazione spaziale
  • Percepire ed isolare il soggetto: ovvero scegliere ed inquadrare
  • Il vocabolario della composizione: linee, forme e modelli
  • Esplorare, isolare, organizzare
  • Il tempo di scatto, il mosso non intenzionale, il congelamento dell’immagine e la jumpology.
  • Il mosso intenzionale: l’effetto movimento in fotografia
  • Il mosso intenzionale: e se muovo io la fotocamera?