Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sui cookie e su come gestire le tue preferenze di navigazione, vai alle informazioni sui cookie    chiudi
Università Popolare F. Petrarca

Università Popolare F. Petrarca Borbiago

Cerca
>
News

Esplora

Recapiti

Università Popolare F. Petrarca
tel. 335.401824
email segreteria@unipopborbiago.it
Via Pisa 5, 30034 Borbiago di Mira (VE)

01 ottobre 2019 ore 21:00 presso l'Auditorium della Biblioteca Comunale di Oriago: Inaugurazione a.a. 2019/2020

Ninèa Serraglia Donna di Barèna
di Moira Mion e Francesco Niccolini
con Moira Mion
musiche in scena: Marco Rizzo e Nicola Novello
scenografie: Matteo Berton
luci di scena: Paolo Scortegagna

Serafina Elfani viene trovata alle porte dell’orfanotrofio il 21 maggio del 1899. Serafina: nome di terza scelta, conseguenza del sovraffollamento di Marie, Anne e Annemarie. Originale, ma troppo lungo per la vita di tutti i giorni: per i genitori adottivi diventa presto Ninèa, “ancora più piccola di Nina”. Serraglia invece, deriva dal nome della Valle chiusa presso cui Ninèa fa le sue scorribande: pesca di frodo, come tanti, nel secondo dopoguerra. E’ pescatrice Ninèa, interprete dell’acqua e dei suoi umori, di quel linguaggio sospeso tra l’alchemico e il sacro che i venti, i pesci e le tamerici sanno parlare. Capelli corvini e pelle olivastra che brunisce in fretta al sole, Ninèa vive un tempo scandito dalle maree: la maternità è l’acqua che cresce, il parto l’acqua che rompe. La coscienza è l’acqua che batte. Il dolore è l’acqua che scava, il perdono è l’acqua che lava. La morte è l’acqua che “spande”. La sua vita ci bagna di immensità femminile e nello stesso tempo ci conduce ad osservare il mondo da una pozzanghera. E a sorridere.